Arte e Cultura Consigli di viaggio

Visitare Bologna in un giorno: itinerario a piedi

Visitare Bologna è una scelta perfetta in ogni stagione, anche sotto la pioggia battente, al riparo dei suoi leggendari 40 Km di portici.
Home » Visitare Bologna in un giorno: itinerario a piedi
CoppieDa soloFamiglie con bambiniIn gruppo Consigli di viaggio

Visitare Bologna in un giorno, arrivando comodamente in treno da tutte le principali città d’Italia, con Alta Velocità, Intercity o Regionale, è una scelta perfetta in ogni stagione, anche sotto la pioggia battente, al riparo dei suoi leggendari 40 Km di portici.

Cosa vedere a Bologna in un giorno

Cosa vedere a Bologna in un giorno? Ce n’è per tutti i gusti. Già la stazione ferroviaria reca in sé un importante angolo di memoria collettiva, nel ricordo delle vittime della strage del 1980, con la lapide commemorativa e l’orologio fermo alle ore 10.25 di quel tragico 2 agosto. Da qui imbocchiamo via dell’Indipendenza e nel giro di venti minuti avremo raggiunto uno dei luoghi simbolo della città.  

Le Due Torri  

Arrivati all’antico quadrivio San Donato (attuale via Zamboni), possiamo ammirare le cosiddette “Due Torri”: Torre degli Asinelli e Torre Garisenda.

La prima, con i suoi 97 metri di altezza, è la torre pendente più alta d’Italia. Deve il suo nome alla famiglia a cui tradizionalmente se ne attribuisce la costruzione, fra il 1109 e il 1119. La vista che si gode dalla sommità è impareggiabile, ma la si consiglia solo a chi ha il fiato per affrontare 500 gradini e… non ha in programma di laurearsi, leggenda vuole che porti sfortuna!

Diritto d’autore: Olena Kachmar/123RF

Piazza Maggiore 

Visitare Bologna in un giorno significa guadagnare il centro di Piazza Maggiore e guardarsi attorno per ammirare alcuni tra gli edifici medievali più belli e importanti della città.

Il cosiddetto “crescentone”, la piattaforma pedonale al centro, è infatti circondato dalla maestosa Basilica di San Petronio, il Palazzo Comunale (Palazzo d’Accursio), il Palazzo dei Podestà – il più antico, sormontato dalla Torre dell’Arengo – Palazzo dei Banchi, dei Notai e Archiginnasio, tra i luoghi più significativi di Bologna.

Diritto d’autore: gonewiththewind/123RF

Fontana del Nettuno 

Per i bolognesi è semplicemente “il Żigànt”, cioè “il Gigante”, per via delle sue dimensioni monumentali, in realtà la statua del Nettuno che sovrasta l’omonima fontana è una delle opere più famose del Giambologna, terminata nel 1566. Il suo tridente vi ricorda qualcosa? La casa automobilistica Maserati lo ha utilizzato come proprio logo.   

Alla base, i quattro putti con i delfini simboleggiano i fiumi Gange, Nilo, Rio delle Amazzoni e Danubio, ovvero i “quattro angoli del mondo”. 

Diritto d’autore: ermess/123RF

Basilica di San Petronio 

Dedicata a San Petronio, patrono della città, la basilica è tra i luoghi da visitare assolutamente.

Fondata nel 1390, rappresenta l’ultima grande opera del Tardo Gotico in Italia dopo il Duomo di Milano. La facciata incompiuta è inconfondibile e si distingue per la grande statua in bronzo di papa Giulio II, realizzata da Michelangelo. All’interno, la Cappella Bolognini custodisce la preziosa Meridiana di Cassini (1657).

Diritto d’autore: Olena Kachmar/123RF

Archiginnasio 

L’Archiginnasio e le rarità ospitate al suo interno sono certamente tra i gioielli da non perdere in città. Gratuito è l’accesso allo straordinario Teatro Anatomico, all’interno dell’attuale Biblioteca dell’Archiginnasio: tra i più antichi “teatri anatomici” al mondo, realizzato nel 1637, era lo spazio suggestivo destinato ai primi interventi chirurgici a scopo didattico, all’interno dell’università, davanti a un pubblico di studenti e specialisti. 

Diritto d’autore: Olena Kachmar/123RF

Basilica di Santo Stefano

Ci spostiamo ora in Piazza Santo Stefano per visitare le “Sette Chiese”, delle quali la basilica fa parte. La tradizione indica proprio in San Petronio l’ideatore di questo edificio così originale: sorto a imitazione del Santo Sepolcro di Gerusalemme, su un precedente tempio dedicato a Iside, il complesso delle “Sette Chiese” rappresenta per simboli e numerologia un luogo dal fascino magnetico.

Diritto d’autore: emicristea/123RF

Canali di Bologna

Nel centro di Bologna come a Venezia? Si può! Basta andare alla scoperta dei piccoli canali che attraversano la città, a cominciare da quello delle Moline, che si trova in via Piella e offre un affaccio davvero inedito, scorrendo al di sotto del punto di osservazione, tra file di case tradizionali dai colori accesi.

Diritto d’autore: Roman Sigaev/123RF

Portico di San Luca 

Concludiamo la nostra visita dall’alto del belvedere, che si raggiunge percorrendo il Portico di San Luca e le 666 arcate che lo rendono il più lungo della città. Sul fondo si staglia l’omonimo santuario, dalla cui sommità è possibile ammirare un panorama fantastico sui tetti rossi.

Diritto d’autore: ermess/123RF
Ultimo aggiornamento 3 Dicembre 2020
Visitare Bologna in un giorno: itinerario a piedi
Ti è piaciuto questo contenuto?
2
0

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio

Eventi

Festival

Cosmoprof Worldwide Bologna


Cosmopack è il più importante salone internazionale dedicato alla filiera produttiva della cosmetica in tutte le sue componenti. Dalle materie […]
Dettagli
Mostra

Vittorio Corcos. Ritratti e Sogni (Prorogata)


Prorogata al 27 giugno 2021, a Bologna, la grande mostra dedicata ai ritratti di Vittorio Corcos. Le donne più affascinanti […]
Dettagli