Arte e Cultura Consigli di viaggio

Un giorno a Procida, Capitale Italiana della Cultura 2022

Immancabile una gita a Procida, Capitale della Cultura 2022, capace di incantare con la sua bellezza senza pari.
Home » Un giorno a Procida, Capitale Italiana della Cultura 2022
CoppieDa soloFamiglie con bambiniIn gruppo Consigli di viaggio

Immancabile una gita a Procida, Capitale della Cultura 2022, capace di incantare con la sua bellezza senza pari.

Trenitalia ti porta in Frecciarossa fino a Napoli dalle principali città italiane. Da qui raggiungi Procida in aliscafo o traghetto (dall’imbarco di Napoli Beverello) approfittando delle offerte Trenitalia + SNAV!

La meraviglia ha inizio dalla vista del Golfo di Napoli, prosegue nel tratto di mare che ci separa dall’isola e culmina avvicinandoci alle case variopinte che si specchiano sull’acqua.

Cosa vedere a Procida, tra cinema e letteratura

Diritto d’autore: Lin Chu-Wen/123RF

Appena sbarcati al porto di Marina Grande siamo accolti dall’anima più turistica di Procida, che lungo via Roma ci attrae con negozi, botteghe artigiane e luoghi di interesse religioso, come la Chiesa della Pietà, dal campanile Barocco.

Basta poco, però, per ritrovare l’atmosfera cinematografica dell’isola, che non a caso ha fatto da sfondo al film Il postino, con Massimo Troisi e al romanzo L’isola di Arturo, di Elsa Morante.

Visitare Procida in un giorno significa fare una passeggiata a caccia di scorci nascosti ma anche di luoghi celebri in tutto il mondo.

Raggiungiamo Marina Corricella, l’antico borgo di pescatori, per apprezzare la bellezza dell’isola: una bomboniera scandita da case con i tipici “vefi”, balconi coperti di origine araba, vicoli, scalinate e viste mozzafiato.

Di IgorZh/Shutterstock

Per un vero tuffo nel passato bisogna visitare Casale Vascello, l’esempio meglio conservato di abitazioni a corte di origine cinquecentesca, concepite per difendersi dalle incursioni saracene.

Terra Murata è il nucleo storico sulla sommità dell’isola, dove spicca il maestoso Palazzo d’Avalos, l’ex carcere dal quale è possibile ammirare un panorama che abbraccia l’intero golfo.

La camminata ti ha messo appetito? Niente di meglio che concedersi un bel pranzo di pesce in uno dei locali tipici, magari lo stesso che ospitò Troisi durante le riprese del film.

Le spiagge di Procida

Di stocktributor/Shutterstock

Baie, insenature e spiagge di origine vulcanica fanno da cornice al meraviglioso dipinto procidano.

Se desideri fare un tuffo, ti consigliamo la spettacolare spiaggia della Chiaia: la fatica di scendere a piedi i 182 scalini d’accesso è ampiamente ripagata dalla vista dei fondali bassi e dalla sabbia soffice.

Nella zona occidentale dell’isola si trovano le spiagge della Chiaiolella e di Ciraccio, baie riparate con fondali limpidissimi, raggiungibili con i mezzi pubblici locali per godere del sole fino al tramonto.

Vuoi vedere la spiaggia del Postino? La trovi sempre sul versante occidentale ed è sicuramente una delle più belle dell’isola.

Di Mazerath/Shutterstock

Proprio qui, sulla spiaggia di Pozzo Vecchio, fu girata una delle scene più romantiche del film, quella in cui Mario e Beatrice si incontrano per la prima volta.

Anche questa spiaggia presenta il tipico colore scuro di origine vulcanica, una caratteristica che regala giochi di luce cangianti a ogni ora del giorno.

Ripartiamo a malincuore da quest’isola magica, ma il nostro treno è in partenza per nuove mete da assaporare in modo autentico e nel rispetto dell’ambiente.

Ultimo aggiornamento 17 Marzo 2021
Un giorno a Procida, Capitale Italiana della Cultura 2022
Ti è piaciuto questo contenuto?
16
0

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio

Eventi

Sport

Regata dei Tre Golfi


La 66^ Regata dei Tre Golfi, che quest’anno è anche la prova d’altura del Campionato Europeo ORC 2021, è aperta […]
Dettagli