Museo del Bergamotto

Nasce nel 2008 grazie al lavoro di ricerca e promozione del prof. Vittorio Caminiti. La volontà che sta alla base della fondazione del Museo è quella di raccogliere e far conoscere questo speciale agrume, la sua storia, i suoi impieghi e sopratutto il suo olio essenziale, da secoli esportato in tutto il mondo. Il primo settore è quello dedicato alla bibliografia del bergamotto; proseguendo, si incontra la zona del Museo, dov'è possibile ammirare tutto il materiale riguardante la chimicazione dell'olio essenziale, unico prodotto naturale in grado di fissare il bouquet aromatico dei profumi, donando loro una fragranza unica. Nella zona centrale del Museo ci sono esposte le macchine che testimoniano la storia e i progressi nella lavorazione: dalla prima, a manovella, inventata dal reggino Barillà, fino a quelle elettriche. Un’altra zona è dedicata alla raccolta del materiale fotografico e dei reperiti legati al commercio internazionale del prodotto. La quinta sezione è dedicata all'uso, non secondario, del bergamotto in enogastronomia; e l'ultima sezione è dedicata all'esposizione dei prodotti finiti:  bottigliette di olio essenziale, prodotti per la cura della persona, fra i quali la famosa acqua di colonia "Calabrisella", ma anche bambole, rose e tabacchiere ricavate dalla buccia essiccata.

Ultimo aggiornamento 1 Dicembre 2020
Museo del Bergamotto
Ti è piaciuto questo contenuto?
0
0

Altre idee di viaggio

Acquista il tuo biglietto