Castello di Conversano

Il Castello fu eretto dai Normanni intorno al 1054, a puro scopo di fortezza difensiva, e divenne dimora dei Conti Acquaviva. Fu edificato su antiche mura megalitiche risalenti al VI-IV secolo a.C., ancora visibili alla base della Torre Maestra, unica sopravissuta. Presenta una pianta trapezoidale, con i quattro angoli, all'origine occupati dalle torri, rivolti verso i punti cardinali. A partire dal XV secolo la famiglia degli Acquaviva trasformò l’antica fortezza in una dimora principesca e ne consolidò alcuni elementi difensivi, tra i quali la torre cilindrica, divenuta oggi simbolo di Conversano. Dalla presenza della merlatura in cima si intuisce che la torre venne rimaneggiata in un’epoca successiva. Quella poligonale fu costruita da Andrea Matteo Acquaviva, figlio di Giulio Antonio, con la caratteristica forma a scarpa e le mura leggermente inclinate per attutire i colpi dell’artiglieria. Sul terrazzo è presente una merlatura adatta alle bocche dei cannoni, mentre le strette feritoie lungo i lati del poligono consentivano il posizionamento delle munizioni. Oggi la torre risulta parzialmente interrata, ma un tempo era circondata da un fossato difensivo. All'Ottocento risalgono invece le finestre e i balconi della facciata su Piazza Castello. Il Castello ospita al suo interno la Pinacoteca Civica, in cui sono esposte le tele seicentesce del ciclo “La Gerusalemme Liberata”, del Finoglio. Al secondo piano è presente la Pinacoteca Francesco Netti e la mostra di abiti storici intitolata "Nozze al Castello".

Info:

Martedì-domenica 9:00/13:00, 16:00/20:00

Ultimo aggiornamento 1 Dicembre 2020
Castello di Conversano
Ti è piaciuto questo contenuto?
0
0

Altre idee di viaggio

Acquista il tuo biglietto