Aree Archeologiche

Susa, città di origine celtica, con la conquista romana divenne un punto nevralgico lungo la Via delle Gallie. Passeggiando tra caratteristici vicoli e piazzette si incontrano numerosi monumenti: l'Arco di Augusto, edificato per sancire il patto di alleanza stipulato tra Cozio, sovrano locale, e Cesare Ottaviano Augusto, primo imperatore romano; le rocce coppellate celtiche, su cui in età preromana venivano probabilmente sacrificati animali; l'Acquedotto di Graziano (IV secolo d.C.), di cui rimangono le due grandi arcate; il Castrum (IV secolo d.C.); l'Arena Antonina (II secolo d.C.), attualmente utilizzata per rievocazioni e spettacoli come il "Torneo Storico dei Borghi", che ospitava le venationes, in cui erano uccisi animali prima dei duelli tra gladiatori; la Porta Savoia (III-IV secolo d.C.) a cui venne addossata, nel XII secolo, la Cattedrale di San Giusto; le tracce delle antiche mura conservate lungo Via dei Fossali (attuale Corso Unione Sovietica). I recenti lavori di rifacimento della centrale Piazza Savoia hanno portato alla luce anche alcune importanti strutture riconducibili ai resti del tempio urbano, posto al centro del foro.

Info:

Visite guidate su richiesta.

Su prenotazione per gruppi e scuole.

Ultimo aggiornamento 2 Dicembre 2020
Aree Archeologiche
Ti è piaciuto questo contenuto?
0
0

Altre idee di viaggio

Acquista il tuo biglietto