Sport Benessere e Natura Itinerari

Itinerario in Val d’Orcia, Patrimonio Unesco

Ammaliati da paesaggi che sembrano dipinti, scopriamo gli itinerari in Val d’Orcia a caccia di scorci fotografici da catturare assolutamente.
Home » Itinerario in Val d’Orcia, Patrimonio Unesco
CoppieDa soloIn gruppo Itinerari

Se ti chiedessimo di pensare a un’ampia valle toscana, in provincia di Siena e al confine con l’Umbria, disegnata da gradevoli paesaggi e tanti borghi di origine medievale, cosa ti verrebbe in mente? Un itinerario in Val d’Orcia, Patrimonio Unesco è l’esperienza che ti proponiamo.

Sali a bordo dei nostri treni Freccia e Intercity per raggiungere le principali città della Toscana, poi prosegui il tuo viaggio per Chiusi-Chianciano Terme o Grosseto e organizza il tuo itinerario tra i borghi con i servizi pubblici locali*.

Tra le peculiarità di un itinerario in Val d’Orcia, le eccellenze artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche che fanno di questo territorio uno dei più importanti Patrimoni Unesco d’Italia: dai caratteristici filari di cipressi ridisegnati in epoca rinascimentale, alle eccellenze culinarie, fino alle pievi dei borghi medievali fortificati.

Diritto d’autore: gkrphoto/123RF

Val d’Orcia in Toscana, Patrimonio dell’Unesco

Ammaliati da paesaggi che sembrano dipinti, scopriamo gli itinerari in Val d’Orcia a caccia di scorci fotografici da catturare assolutamente.

Partiamo da alcuni luoghi simbolo, da “instagrammare” o custodire gelosamente nel tuo personale reportage di viaggio.

I famosi cipressi di San Quirico D’Orcia, ad esempio, rappresentano uno dei posti più suggestivi della vallata e si raggiungono lungo una strada sterrata, ma facilmente percorribile con qualsiasi mezzo. 

Diritto d’autore: sborisov/123RF

Da non perdere assolutamente, la Cappella di Vitaleta, famosissima quanto minuscola. Altro prezioso simbolo della Val D’Orcia, questa cappella è un autentico gioiellino tra le piccole pievi di campagna che caratterizzano il paesaggio.

Uno dei monumenti più maestosi e suggestivi è, invece, l’Abbazia di San Galgano, all’interno della quale aleggiano leggende e misteri legati alla presenza della celebre “Spada nella roccia”, vero set cinematografico a cielo aperto. 

Infine, tra le bellezze della Val d’Orcia Patrimonio Unesco, l’area del Monte Amiata, ancora una volta ricca di borghi antichissimi e tradizioni gastronomiche che attingono direttamente alle delizie del sottobosco.

Borghi e sapori della Val d’Orcia

Il tour tra i borghi più belli e più “buoni” della Val d’Orcia include certamente le tappe di un percorso enoturistico e gastronomico d’eccellenza, senza rinunciare alla meraviglie delle opere d’arte e di architettura racchiuse entro le mura delle piccole città-fortezza.

Partiamo dai borghi di Pienza e Montalcino, fiori all’occhiello della Val d’Orcia rispettivamente per il Pecorino e il Brunello.

Pienza – Diritto d’autore: ermess/123RF

Pienza, col suo centro storico interamente Patrimonio Unesco, che si dispone tutto attorno alla suggestiva piazza dedicata al pontefice Pio II, che fece di questo borgo la sua “Città Ideale” del Rinascimento. Tra gli esempi più significativi della progettazione di Bernardo Rossellino, spiccano il Duomo e il Palazzo Comunale, con accanto Palazzo Borgia e Palazzo Piccolomini. Non si può rinunciare a una passeggiata tra le rinomate botteghe del ferro battuto e le vie che convergono al centro della piazza principale, dove, nel mese di settembre, si svolge il tradizionale Palio del Cacio al Fuso.

Montalcino, splendido borgo medievale noto per la produzione del vino Brunello, è un’altra chicca da non perdere dell’itinerario in Val d’Orcia. Qui potrai sperimentare degustazioni guidate tra vigneti, uliveti, cantine e aziende agricole, dove abbinare a un ottimo calice di vino un tagliere di formaggi DOC e salumi di Cinta Senese, allietato da spettacoli musicali e letture.

Montalcino – Diritto d’autore: donyanedomam/123RF

Altre meraviglie ed eccellenze toscane sono disseminate lungo il percorso che lega i borghi di Bagno Vignoni, Radicofani, San Gimignano, San Galgano e Volterra.

Arte, gusto, natura e storia si intrecciano in un connubio davvero coinvolgente, che fa della Val d’Orcia una delle mete toscane più belle da visitare in treno, a ritmo lento.

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com

Ultimo aggiornamento 9 Dicembre 2020
Itinerario in Val d’Orcia, Patrimonio Unesco
Ti è piaciuto questo contenuto?
8
1

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio