L’affascinante borgo toscano di Volterra, tra le colline in provincia di Pisa, fu una delle più importanti città-stato etrusche, oltre che signoria vescovile.

Si raggiunge in Regionale + bus dalla Stazione di Cecina fino al capolinea Volterra-Saline-Pomarance*.

Nota in tutto il mondo come “Città dell’Alabastro”, Volterra è un importante centro del Made in Italy per l’estrazione e la lavorazione del prezioso materiale. Basta fare un giro nel centro storico per scoprire le botteghe dei maestri scalpellini. I loro laboratori costituiscono l’Ecomuseo dell’Alabastro, mentre i pezzi più antichi e pregiati sono in esposizione al Museo Etrusco Guarnacci e nelle sontuose sale di Palazzo Viti, dimora dei mercanti che portarono l’alabastro di Volterra fino in Asia. Nel mese di ottobre, in occasione della Festa di San Luca, gli alabastrai sono soliti rendere omaggio al loro patrono con un pranzo condiviso all’aperto.

Le tracce etrusche e romane in centro sono costituite dalla ciclopica Cinta Muraria, con le antiche porte d’accesso, Porta all’Arco e Porta Diana; dall’Acropoli, con le fondamenta di due templi e alcune cisterne, dagli ipogei e dal Teatro Romano. Tra gli edifici medievali: il Duomo di Volterra, la Fortezza Medicea e Palazzo dei Priori sull’omonima piazza.

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com