La città umbra di Gubbio, in provincia di Perugia, si sviluppa nel comprensorio dell’Alto Chiascio.

Si raggiunge in treno, a bordo di Intercity e Regionali diretti alla Stazione di Fossato Di Vico-Gubbio*.

Nota per due eccellenze, il tartufo e le ceramiche, che le valgono l’inserimento negli omonimi circuiti turistici nazionali, Gubbio vanta la curiosa denominazione di “Città dei Matti”, in riferimento al simbolo della piazza centrale: la Fontana del Bargello. Nota come “fontana dei matti” per via di una leggenda cinquecentesca, ancora oggi è sede di un rito che l’Associazione Maggio Eugubino certifica donando la Patente di Matto a chi vi compie tre giri attorno. La tradizione dei tre giri è legata anche alla celebre Festa dei Ceri, l’evento religioso più atteso, che si celebra ogni anno il 15 maggio in onore dei santi Ubaldo, Giorgio e Antonio Abate. I giganteschi Ceri sono custoditi nella Basilica di Sant’Ubaldo, set di numerosi film e serie Tv (come quella Rai, dal titolo Don Matteo). Dalla panoramica Piazza Grande, con Palazzo dei Consoli, la visita prosegue tra i vicoli alla scoperta di altri edifici gotici, come il quattrocentesco Palazzo Ducale.

Il Teatro Romano e le celebri Tavole Egubine sono tra i resti archeologici più importanti dell’antica Ikuvium. Interessante anche il mondo dell’artigianato egubino, che spazia dalla ceramica alla liuteria, passando per oreficeria e intaglio. Da non perdere: la Chiesa di Santa Maria della Vittoria, tappa che rievoca il celebre miracolo di San Francesco e il Lupo, e il Festival del Medioevo (settembre e ottobre).

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com