Tra le “Città di Frontiera” per eccellenza, Gorizia è capoluogo dell’omonima provincia friulana, crocevia storico e geografico tra Italia e Slovenia.

La si raggiunge a bordo di Intercity e Regionale*.

Punto di congiunzione fra le culture romanze, slave e germaniche, Gorizia offre l’atmosfera sospesa della città di confine: la storica Piazza Transalpina fu divisa da un muro fino al 2004. Il Castello di Gorizia è il simbolo per eccellenza, dalla cui sommità la vista spazia sulla Penisola d’Istria. Una passeggiata in centro rivela il senso della definizione di “Nizza Asburgica”, grazie alle dimore settecentesche della borghesia austroungarica: Palazzo della Torre, Palazzo Attems Petzenstein e Palazzo Werdenberg, sede della Biblioteca Statale Isontina, per citarne alcune. Le varie confessioni sono rappresentate dalla Cattedrale Metropolitana (duomo) e dalla Sinagoga del ghetto ebraico. Tra i musei, il Museo della Grande Guerra e il Museo del Medioevo Goriziano (all’interno del castello).

L’anima verde della città si apprezza al Parco Piuma, lungo il fiume Isonzo, al Parco del Palazzo Coronini Cronberg e nel Giardino Viatori.

La cucina goriziana propone la fusione mitteleuropea, friulana e slava: il dolce tipico è la gubana, mentre la Rosa di Gorizia è la pregiata varietà locale di radicchio presidio Slow Food.

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com