Città piemontese in provincia di Alessandria, nella valle del fiume Bormida, Acqui Terme è parte delle regioni storiche dell’alto Monferrato e dell’Acquese.

Acqui è raggiungibile a bordo del Regionale*.

Tra le più rinomate località termali d’Italia, la città vanta anche un centro storico ricco di opere d’arte. Frequentate sin dai tempi degli antichi romani, per le via delle sorgenti calde e benefiche che sgorgano dal sottosuolo, le Terme di Acqui, sono l’elemento più caratteristico della città, come testimonia l’edicola marmorea in onore della Bollente, in pieno centro storico. Fonte Acqua Marcia, scoperta nel Settecento, e il Lago delle Sorgenti raccolgono le principali emergenze termali del territorio. Quest’ultimo, ricco di vigneti, è parte dei paesaggi piemontesi riconosciuti Patrimonio Unesco per la loro bellezza. Da visitare in città la maestosa Cattedrale di Santa Maria Assunta, all’interno della quale è possibile ammirare un prezioso trittico del Bermejo e i resti archeologici della Acqui romana e medievale. Un tour tra le ville dei dintorni è sempre una bella esperienza: su tutte, Villa Ottolenghi Wedekind, un complesso di grande impatto scenografico, con due piscine e otto ettari di vigne.

Sulla tavola locale non possono mancare il tartufo, il filetto baciato, salume tipico in salamoia, e ovviamente i grandi vini del comprensorio acquese: Dolcetto e Brachetto d’Acqui DOC e DOCG.

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com