Arte e Cultura Consigli di viaggio

Cosa vedere a Pisa in un giorno: itinerario a piedi

Ti sveliamo cosa vedere a Pisa in un giorno, con un piacevole itinerario a piedi che dalla stazione ti porta dritto tra le meraviglie del centro storico.  
Home » Cosa vedere a Pisa in un giorno: itinerario a piedi
CoppieDa soloFamiglie con bambiniIn gruppo Consigli di viaggio

Città d’arte e cultura, Pisa è una delle destinazioni più belle da raggiungere in treno per un weekend o magari cogliendo la nostra offerta di andata e ritorno in giornata.

Ti portiamo in città comodamente e rapidamente a bordo delle Frecce*, e ti sveliamo cosa vedere a Pisa in un giorno, con un piacevole itinerario a piedi che dalla stazione ti porta dritto tra le meraviglie del centro storico.  

Famosa per la Torre Pendente, Pisa offre molte cose interessanti da vedere, dai numerosi musei a una romantica passeggiata sul Lungarno. 

Piazza dei Miracoli

Diritto d’autore: Sergey Dzyuba/123RF

Raggiungiamo immediatamente il cuore pulsante di Pisa, Piazza dei Miracoli. Ti sei mai chiesto da dove ha origine un nome così particolare?

Fu “Il Vate”, Gabriele D’Annunzio, che, passando per Pisa, rimase talmente colpito dalla bellezza dei monumenti che impreziosivano la piazza da definirli tutti assieme – Torre, Duomo e Battistero – veri e propri “miracoli”, nome col quale da allora è conosciuta l’intera piazza, che oggi è uno dei più importanti siti Unesco del nostro Paese.

Battistero di San Giovanni 

Diritto d’autore: Santiago Rodriguez Fontoba/123RF

Il Battistero di San Giovanni, a Pisa, è il più grande battistero d’Italia con i suoi 107,25 metri di circonferenza. La sua costruzione fu iniziata nel 1153 dal Diotisalvi e completata, dopo un secolo, da Nicola e Giovanni Pisano.

Il Battistero presenta la sua principale peculiarità nella cupola: costruita con materiali diversi, dalle tegole rosse alle lastre di piombo. All’interno, da ammirare il bellissimo fonte battesimale, lo stesso nel quale fu battezzato Galileo Galilei nel 1564, e il pulpito, opera di Nicola Pisano.

Duomo di Pisa 

Diritto d’autore: Liubomir Paut-Fluerasu/123RF

Secondo “miracolo” della piazza, il Duomo di Pisa, dedicato a Santa Maria Assunta, è l’edificio rappresentativo del Romanico Pisano, stile concepito proprio a partire da questa chiesa e poi esportato a Firenze, nel resto della Toscana, ma anche in Corsica e in Sardegna, durante il controllo di queste regioni da parte dell’antica Repubblica Marinara di Pisa.

Il Duomo fu costruito a partire dal 1063 su progetto dell’architetto Buscheto, come simbolo del prestigio e della ricchezza raggiunti dalla Repubblica Pisana nel momento della sua massima espansione, come dimostra lo sfarzo delle decorazioni con marmi multicolori, mosaici, ornamenti, bronzi e colonne di marmo grigio.

Torre Pendente 

Di f11photo/Shutterstock

Terzo e ultimo “miracolo”, la Torre di Pisa, che nasce in origine come campanile del Duomo. I lavori iniziarono nel 1173 e si protrassero per oltre due secoli proprio per via dell’inclinazione non prevista, un unicum al mondo che attrae ogni anno migliaia di turisti. 

L’inclinazione si è oggi stabilizzata al 5%. In cima ai suoi 294 gradini, per un’altezza totale di 56 metri, si gode un panorama mozzafiato.

Piazza dei Cavalieri 

Di Luca Aless – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=40899033

Seconda piazza di Pisa per importanza e bellezza, Piazza dei Cavalieri è legata all’antica presenza dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano.

Progettato da Giorgio Vasari, il Palazzo della Carovana è il simbolo di questa piazza. Decorato con figure allegoriche e segni zodiacali, ospita oggi la Scuola Normale di Pisa, una delle Università più prestigiose al mondo. Sulla piazza spiccano anche Palazzo dell’Orologio, la Chiesa di Santo Stefano dei Cavalieri e la Statua di Cosimo I.

Borgo Stretto 

Di Geobia – Opera propria, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=19095212

Da Piazza dei Cavalieri si raggiunge subito Borgo Stretto, una vera e propria chicca cittadina.

Chiamato semplicemente “il borgo” dai pisani, si tratta di uno dei quartieri più antichi e caratteristici. In questa zona, un tempo, dimoravano i nobili e i mercanti, che si aggiravano tra i portici e la Piazza delle Vettovaglie, sede di un famoso mercato alimentare e oggi luogo privilegiato della movida serale, ricco di enoteche e localini.

Lungarni 

Diritto d’autore: Alexander Nikiforov/123RF

La nostra passeggiata alla scoperta di cosa vedere a Pisa in un giorno si conclude romanticamente sui Lungarni Pisani, luogo di ritrovo, tra locali animati e bellissimi palazzi rinascimentali, in un alternarsi di torri e chiese. Il tratto più famoso è indubbiamente il Lungarno Mediceo, che ospita i maggiori edifici storici della città: Palazzo dei Medici, Palazzo Toscanelli e la Chiesa di San Matteo in Soarta.

Ti è venuta voglia di scoprire altre meravigliose città toscane? Prenota subito la tua prossima gita d’arte in treno!

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com

Ultimo aggiornamento 9 Dicembre 2020
Cosa vedere a Pisa in un giorno: itinerario a piedi
Ti è piaciuto questo contenuto?
3
0

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio