Gusto e Tradizioni Consigli di viaggio

Alla scoperta della cucina brindisina

Sei un buongustaio appassionato di cucina pugliese? Trenitalia ti porta a Brindisi e dintorni per gustare il meglio della tradizione culinaria del posto.
Home » Alla scoperta della cucina brindisina
CoppieDa soloFamiglie con bambiniIn gruppo Consigli di viaggio

Sei un buongustaio appassionato di cucina pugliese? Trenitalia ti porta a Brindisi e dintorni per gustare il meglio della tradizione culinaria del posto.

Terra di mare e splendide campagne, Brindisi vanta una tradizione enogastronomica a base di prodotti semplici e genuini, che tuttavia sanno come deliziare anche i palati più esigenti.

Un viaggio in treno a Brindisi è l’occasione ideale per scoprire la città anche a tavola! Ci arriviamo a bordo di Frecciargento, Intercity o Regionale*.

La stazione è nel cuore della città e dei locali più famosi, quindi possiamo concederci un pasto goloso e poi una passeggiata a caccia di bellezza.

Cosa mangiare a Brindisi

Di Subbotina Anna/Shutterstock

La cucina brindisina è familiare e accogliente come la gente che ci ospita. Attinge alla più ampia tradizione gastronomica del Salento, declinandola con abbinamenti locali che profumano di mare e di terra.

Dalla stazione guadagniamo a piedi il centro in pochi minuti, quindi la zona del porto e il Lungomare Regina Margherita. Tra ristoranti di lusso e trattorie tipiche che servono pescato fresco non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Se vogliamo deliziarci col pesce, teniamo presente che questa è zona di ricci, cernie e ostriche imperiali, ovvero di eccellenze ittiche da leccarsi i baffi.

Se invece guardiamo all’entroterra e cerchiamo nel piatto la storia dei contadini, allora ci verranno serviti piatti “poveri” ma ricchi dei sapori d’un tempo: asparagi e verdure selvatiche, fave, cicerchia e gli immancabili formaggi brindisini, come la ricotta forte di pecora e il cacioricotta.

Impossibile sottrarsi alle degustazioni dei pregiati vini del Salento: Negroamaro, Primitivo, Malvasia Nera, Verdeca, Ottavianello e Susumaniello.

Concludiamo il nostro pasto con un altro prodotto eccellente del territorio: la famosa mandorla riccia.

Brindisi in un giorno

Di Kirk Fisher/Shutterstock

Una bella passeggiata alla scoperta della città è quello che ci vuole per smaltire le calorie!

Basta guardarsi attorno per ammirare la vista meravigliosa sul mare e il piccolo arcipelago brindisino, con l’Isola di Sant’Andrea, sede del Castello Alfonsino (o Castel Rosso).

Il vero biglietto da visita di Brindisi è il suo porto, uno degli angoli più caratteristici, dove l’atmosfera mercantile si mescola a quella romantica della parte antica, ancora appannaggio dei pescatori.

Lungo la passeggiata ammiriamo la famosa copia di Colonna Romana che segna il limite estremo della Via Appia. Con i suoi 18 metri svetta in cima alla scala di marmo di Virgilio che conduce al porto.

Più avanti incontriamo quello che i brindisini chiamano il Castello di Terra (o Castello Grande) per distinguerlo dal precedente. Si tratta di uno dei più bei castelli federiciani in Puglia, visitabile dal lunedì al giovedì solo su appuntamento.

È ora di rientrare! Approfittiamo della passeggiata di ritorno in stazione per ammirare gli edifici del centro storico, su tutti la Cattedrale della Visitazione e il Tempio di San Giovanni al Sepolcro.

In valigia portiamo con noi qualche assaggio di questa terra variegata, pronti a ripartire per il prossimo itinerario del gusto!

 

*N.B. Le soluzioni di viaggio proposte potrebbero essere soggette a variazioni. Verifica l’effettiva disponibilità su Trenitalia.com

Ultimo aggiornamento 22 Marzo 2021
Alla scoperta della cucina brindisina
Ti è piaciuto questo contenuto?
2
0

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio