Made in Italy e Tendenze Consigli di viaggio

Alla scoperta della città di Carpi e del suo artigianato

Ecco una gita in treno che non ti aspetti: si parte alla scoperta di Carpi e del suo artigianato storico, tra mestieri inattesi e una cucina da leccarsi i baffi!
Home » Alla scoperta della città di Carpi e del suo artigianato
CoppieDa soloFamiglie con bambiniIn gruppo Consigli di viaggio

Ecco una gita in treno che non ti aspetti e magari non avresti programmato. Si parte alla scoperta di Carpi e del suo artigianato storico, tra mestieri inattesi e una cucina da leccarsi i baffi!

Perché una gita in treno a Carpi? La città, a due passi da Modena, è a pieno titolo una delle capitali dell’artigianato e del Made in Italy in Emilia Romagna, dove è facile abbinare una passeggiata per le vie del centro all’acquisto di un manufatto originale e… a un pranzo succulento, che non guasta mai!

Come ci si arriva? In modo rapido ed ecologico, come si conviene a ogni “fuga dalle grandi città”. Raggiungi Bologna dalle principali città italiane in Frecciarossa o Frecciargento e prosegui comodamente in Regionale fino alla stazione di Carpi, che dista in treno meno di un’ora da Bologna e appena 15 minuti da Modena.

Carpi, città del gesso, del truciolo e del tessile

Diritto d’autore: Christa Eder/123RF

Dalla stazione di Carpi bastano pochi metri a piedi per ritrovarsi in pieno centro, ecco perché il treno si rivela la scelta più comoda e semplice per scoprire le bellezze della provincia italiana.

La fortuna di Carpi è legata alla produzione artigianale della scagliola, una particolare tecnica di lavorazione del gesso che, sin da tempi antichi, consiste nel colorare e intagliare questa materia prima nei paliotti d’altare e in tante altre decorazioni.

Carpi è anche detta la “Città del truciolo”, con riferimento a una tra le più antiche lavorazioni della paglia in Italia, che consiste nel trarre dai tronchi di salice e di pioppo pagliuzze sottili (i trucioli, appunto) da utilizzare nella produzione di cappelli e pagliette.

Nel dopoguerra la città di Carpi è diventata uno dei centri trainanti del Made in Italy nel campo del tessile, vedendo fiorire tante piccole e medie aziende che, col tempo, sono diventate marchi affermati in tutto il mondo, come accaduto a Blumarine e Liu Jo.

Da non perdere a Carpi

Diritto d’autore: Christa Eder/123RF

Una passeggiata per le vie dello shopping e dell’artigianato si snoda attorno a Piazza dei Martiri, con i suoi portici, e Piazzale Re Astolfo.

Su quest’ultima piazza si affaccia la Basilica Cattedrale di Santa Maria Assunta e l’imponente Castello di Carpi (anche noto come Palazzo dei Pio), che ospita al suo interno diversi musei: il Castello dei ragazzi, il Museo della Città e il Museo Monumento al Deportato.

Approfittando del fatto che Carpi si trova al centro della cosiddetta “Terra del gusto”, il distretto modenese dell’enogastronomia, risaliamo sul treno di ritorno a pancia piena, dopo aver assaggiato i cappelletti in brodo, il cotechino, la mostarda di Carpi e un buon calice di Lambrusco!

Ultimo aggiornamento 11 Febbraio 2021
Alla scoperta della città di Carpi e del suo artigianato
Ti è piaciuto questo contenuto?
0
0

Acquista il tuo biglietto

Altre idee di viaggio